domenica 26 maggio 2013

Che ne è dei bibliotecari vecchi?

Vecchi, con le ali tarlate, rimaniamo ancora incantati dalle parole più belle, nelle misteriose pagine che abbiamo avuto, forse solo noi, il privilegio di leggere, e che ancora ci dànno, come la prima volta, il brivido segreto di un piacere sconnesso che non sapevamo fosse sinestesìa.




Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.